Etica
Molte persone potrebbero chiedersi: oltre ai suoi insegnamenti spirituali e magici, il Druidry offre anche insegnamenti sociali ed etici? La risposta è si. 
I druidi nell'antichità come oggi hanno un profondo interesse per le questioni più importanti della filosofia morale e sociale.

Eppure il Druidry insegna l'etica in modo gentile e aperto. In modo tradizionale celtico, il druido non pronuncia regole o comandamenti. Piuttosto, pone domande come: cosa significa essere una brava persona o vivere una vita buona? Quali valori dovrebbero guidare le nostre relazioni, le nostre comunità, persino le nostre nazioni? Cosa dobbiamo fare per diventare responsabili di noi stessi e del nostro mondo? L'indagine su questioni come queste è sempre stata un'attività distintamente druidica, anche nei tempi antichi.

Alcuni antichi scrittori romani e greci che erano in grado di osservare i druidi in prima persona prendevano appunti sulle loro strutture sociali, sui loro valori e sui loro insegnamenti etici. In tali note è chiaro che i nostri predecessori svolgevano molte importanti funzioni sociali per il loro popolo, non solo le ben note funzioni religiose o cerimoniali. Tra queste funzioni spiccava il ruolo del filosofo e dell'insegnante di filosofia morale. Ecco ad esempio le parole di Strabone, storico romano:

I bardi componevano e cantavano odi; gli Uati [Ovati] assistevano ai sacrifici e studiavano la natura; mentre i Druidi studiavano la natura e la filosofia morale. Le persone sono così fiduciose nella giustizia dei Druidi che riferiscono a loro tutte le controversie private e pubbliche; e questi uomini in molte occasioni hanno fatto pace tra eserciti effettivamente schierati per la battaglia. (Strabone, Geographica, IV.4.198)

Da questa citazione risulta chiaro che i Druidi erano i filosofi del loro popolo e che avevano un profondo interesse nello studio e nell'insegnamento dei valori etici. Allo stesso modo, Giulio Cesare scrisse quanto segue nel suo resoconto della guerra in Gallia:

I Druidi officiano il culto degli dei, regolano i sacrifici pubblici e privati ​​e danno decisioni su tutte le questioni religiose. Un gran numero di giovani si riunisce a loro per ricevere istruzione e sono tenuti in grande onore dal popolo. Agiscono come giudici in quasi tutte le controversie, sia tra tribù che tra individui; quando viene commesso un delitto, o si compie un omicidio, o sorge una controversia su un'eredità o un confine, sono loro che giudicano la questione e stabiliscono il risarcimento da pagare e ricevere dagli interessati. (Giulio Cesare, La conquista della Gallia, VI.13.1)

È chiaro, quindi, che i Druidi agivano come magistrati o giudici, risolvendo conflitti di vario genere tra la loro gente. Quindi non solo gli antichi Druidi studiavano l'etica in modo speculativo, ma mettevano anche in pratica i loro studi. Ecco un'osservazione del commentatore romano Diogene Laerzio, che descrisse parte del contenuto effettivo degli insegnamenti morali druidici:

I druidi fanno le loro dichiarazioni per mezzo di enigmi e detti oscuri, insegnando che gli dei devono essere adorati, e nessun male fatto, e mantenuto un comportamento virile. (Diogenes laertius, Vitae, I.5)

Con "indovinelli e detti oscuri", si intende probabilmente che i Druidi insegnassero le loro idee usando un vocabolario di serie di proverbi, simboli, metafore e simili, che avrebbero appreso durante il loro addestramento, e che potrebbe essere suonato oscuro (cioè scuro) a estranei come Diogene. La triade menzionata successivamente da Diogene suggerisce che i Druidi apprezzassero la pietà, la non cattiva condotta e l'onore, tra i loro insegnamenti etici. Inoltre, queste fonti classiche attestano una credenza druidica nell'anima immortale. Pomponius Mela ha scritto questo sulle credenze dei druidi celtici:

Uno dei loro dogmi è giunto a conoscenza comune, cioè che le anime sono eterne e che c'è un'altra vita nelle regioni infernali, e questo è stato manifestamente permesso perché rende la moltitudine più pronta alla guerra. Ed è anche per questo che bruciano o seppelliscono, con i loro morti, le cose che gli sono proprie in vita. (Pomponius Mela, Factorum et dictorum libri, II.6.10)

Questa credenza nell'anima immortale fu osservata anche da Giulio Cesare: "Una lezione che si prendono particolarmente cura di inculcare è che l'anima non perisce, ma dopo la morte passa da un corpo all'altro..." (Cesare, Conquista della Gallia, V .16.5) Tuttavia, non ci sono prove a sostegno dell'idea che le persone siano state punite o ricompensate nell'aldilà per il modo in cui hanno vissuto le loro vite mortali. Invece, gli scrittori classici hanno fatto confronti favorevoli con la credenza pitagorica nella "metempsicosi", una forma di reincarnazione. Sembra anche, sulla base di altri scritti classici, che i Celti credessero che la prossima vita sarebbe stata molto simile a questa. Infatti Pomponio Mela osservò che “in passato essi addirittura differivano il compimento degli affari e il pagamento dei debiti fino al loro arrivo in un altro mondo”. (Mela, ibid.)

Alcuni dei testi di saggezza irlandesi sono molto specifici sugli insegnamenti etici dei druidi. Ci sono diversi "testi di saggezza", o resoconti di insegnamenti impartiti da druidi o altre persone significative nella vecchia società irlandese. A volte questi insegnamenti venivano offerti durante la cerimonia di inaugurazione di un nuovo capo, per insegnare al candidato come essere un buon capo. A volte gli insegnamenti erano destinati ai figli o ai nipoti dell'oratore, per insegnare loro come diventare adulti maturi. Ecco un esempio di quest'ultimo:. A Cormac mac Airt viene chiesto da suo nipote Carbre "quali erano le tue abitudini quando eri un ragazzo?" Cormac risponde così:

Ero un ascoltatore nei boschi,
Ero uno sguardo alle stelle,
Ero cieco per quanto riguarda i segreti,
tacevo in un deserto,
Ero loquace tra molti,
Ero mite nell'idromele,
ero severo in battaglia,
ero pronto a guardare,
Sono stato gentile in amicizia,
Ero un medico dei malati,
Ero debole verso i deboli,
Ero forte verso i potenti,
Non sono mai stato duro per non essere satirizzato,
Non sono mai stato debole per non dovermi togliere i capelli,
Non ero vicino per non essere gravoso,
Non ero arrogante sebbene fossi saggio,
Non ero portato a promettere sebbene fossi forte,
Non ero avventuroso, sebbene fossi veloce,
Non deridevo i vecchi, sebbene fossi giovane,
Non ero presuntuoso sebbene fossi un buon combattente,
Non parlerei di nessuno in sua assenza,
Non rimproverei, ma loderei,
Non chiederei, ma darei,
Perché è attraverso queste abitudini che i giovani diventano vecchi e regale guerrieri. (Istruzioni di Cormac, § 7)


Nota che qui c'è una certa enfasi sul rispetto e sulla gentilezza verso gli altri, ma non vi è alcuna indicazione che una persona debba essere passivamente obbediente agli altri. Né vi è alcun suggerimento che dovrebbe sacrificare la sua dignità per il bene degli altri. Inoltre potrebbe esserci anche un implicito misticismo in questo testo, poiché i primi due versi suggeriscono che da ragazzo Cormac studiava semplicemente i boschi e le stelle, ed era "silenzioso in una landa selvaggia", come per imparare dagli elementi stessi il modo migliore per abitare. Ecco un altro esempio, sempre tratto dalle Istruzioni di Cormac. Cairbre chiede a suo nonno Cormac come dovrebbe comportarsi “tra i saggi e gli stolti, tra amici e estranei, tra vecchi e giovani, tra innocenti e malvagi” – o in altre parole, come dovrebbe agire in ogni situazione è dentro. Cormac gli risponde così:

Non essere troppo saggio, non essere troppo sciocco,
non essere troppo presuntuoso, non essere troppo diffidente,
non essere troppo altezzoso, non essere troppo umile,
non essere troppo loquace, non essere troppo silenzioso,
non essere troppo duro, non essere troppo debole.
Se sei troppo saggio, ci si aspetterà (troppo) da te;
Se sei troppo stolto, sarai ingannato;
Se sei troppo presuntuoso, sarai considerato irritante;
Se sarai troppo umile, sarai senza onore;
Se sei troppo loquace, non verrai ascoltato;
Se taci troppo, non sarai considerato;
Se sarai troppo duro, sarai distrutto;
Se sei troppo debole, sarai schiacciato. (Istruzioni di Cormac, § 29)


Ancora una volta, si noti che qui viene sostenuto qualcosa che assomiglia a un percorso di "equilibrio". Cairbre è invitato ad agire in modo tale da non essere né troppo duro né troppo morbido con ciascuna delle sue qualità di carattere.

Va notato che gli antichi Druidi vivevano in una società di guerrieri tribali e alcuni dei loro valori etici hanno più senso solo all'interno di una tale società. Ma nel migliore spirito filosofico dei loro predecessori, i druidi contemporanei stanno facendo il proprio studio dell'etica e dei valori sociali. Si basano su fonti antiche come i testi greci, romani e irlandesi qui menzionati, nonché su varie fonti più recenti e, naturalmente, sulle proprie intuizioni intellettuali ed emotive.
Iscriviti al corso bardico
Dal 1 novembre 2010 è iniziata la distribuzione del corso bardico in italia, le iscrizioni possono essere fatte in ogni periodo dell’anno.
Iscriviti al corso